1dm_cr.jpg

Si allunga la lista degli aderenti alla campagna “Bring Back Our Girls” – Anche Papa Francesco twitter

Anche Papa Francesco invitando alla preghiera si unisce alla campagna mondiale, #BringBackOurGirls per salvare e riportare a casa e alle loro famiglie, le studentesse sequestrate dalla loro scuola nel nordest della Nigeria lo scorso 14 Aprile 2014. Intanto, esperti americani e inglesi sono giunti in Nigeria per supportare le operazioni dei militari nigeriani per la liberazione delle liceali.


Ad oggi la campagna su twitter con l’hashtag #BringBackOurGirls ha raggiunto oltre un milione di adesioni. E la lunga lista di oltre cinquanta personalità di tutto il mondo che si sono espresse a favore della campagna web comprendono la First Lady americana, Michelle Obama; l’ex- segretario di stato, Hilary Clinton; la più giovane candidata al Premio Nobel, Malala Yousefzai; l’ex-premier nuova zelandese e direttore generale del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP), Helen Clark; il premier britannico David Cameron; Martti Ahtisaari, Premio Nobel per la Pace; Mohamed Azab, rappresentante del Grand Imam di Al-Azhar; la vedova di Nelson Mandela, Graca Machel; Aicha Bah Diallo, presidente del Forum African Women Educationalists; Ela Bhatt, fondatore, associazione di donne lavoratrici indiane; Bono (vero nome, Paul Hewson), cantante irlandese leader degli U2 e co-fondatore ONE; le attrici americane Anne Hathaway e Angelina Jolie;

  • Richard Branson, fondatore Gruppo Virgin
  • Gro Harlem Brundtland, esecutivo UN Foundation; ex-premier norvegese e direttore generale emerito dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)
  • Susan A. Buffet, presidente Sherwood Foundation and Thomas Buffet Foundation
  • Kathy Calvin, presidente e CEO Fondazione delle Nazioni Unite
  • Fernando H. Cardoso, ex-presidente del Brasile
  • Aliko e Halima Dangote, Gruppo Dangote
  • Bineta Diop, inviata speciale dell’Unione Africana
  • Bill e Melinda Gates, co-fondatori e presidenti dell’omonima Fondazione
  • Helene Gayle, presidente CARE Foundation
  • Ngozi Okonjo-Iweala, ministro delle finanze della Nigeria
  • Arianna Huffington, presidente e direttore, Huffington Media Group
  • Mo e Hadeel Ibrahim, Mo Ibrahim Foundation
  • Francois-Henri Pinault, presidente e CEO, Kering
  • Rupert Murdoch, presidente Newscorp
  • Mary Robinson, ex-presidente irlandese

10 Maggio 2014
Fonte: Financial Times