1dm_cr.jpg

Al teatro Parioli premiati i vincitori dell'edizione 2014

Lo scorso 19 ottobre, sono stati premiati i vincitori del Premio Multietnicità e Intercultura 2014 durante un evento con esibizione di diversi artisti con canti, balli e cabaret al Teatro Parioli a Roma. A consegnare i premi sono stati chiamati l’Assessore allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana di Roma Capitale Paolo Masini, che ha voluto in questo modo dare un segno di vicinanza ed interesse delle istituzioni per le questioni inerenti il multiculturalismo, la poetessa Marcia Theophilo, che ha affascinato il pubblico con le sue riflessioni profonde e ricche di significato, ed, infine, la professoressa Cipri, moglie del compianto professor Castorina che delle precedenti edizioni era stato un acceso sostenitore e che, pertanto, è stato affettuosamente ricordato.

 

I premiati. Nella categoria Progetti Scolastici si è classificata prima  Anahi Angela Mariotti e Scuola primaria Mengotti Roma. Per la categoria Letteratura il riconoscimento più alto è stato attribuito a  Federico Appel autore del libro, Pesi massimi. Storie di sport, razzismi, sfide in quanto ha saputo affrontare con il linguaggio del fumetto caro ai piccoli come ai grandi “ il tema della diversità  raccontando le vicende di personaggi che hanno segnato la storia del Novecento, intrecciando i loro successi e le loro sconfitte ai grandi eventi del secolo breve: Jesse Owens, Gino Bartali e Arthur Ashe”.  A seguire si sono piazzati secondo  Riccardo Marchina con il libro Ballata per le spose e terzo, Anna Aluffi Pentini con il libro per ragazzi, Bluo e Verdola, illustrazioni di Francesca Irene Thiery.

Nella categoria Imprenditoria la giuria ha deciso di premiare in ex aequo la cooperativa sociale Barikamà che produce yogurt bio e la casa editrice Sinnos. Alla giuria è sembrata appropriata premiare due esempi molto concreti d’integrazione, l’una costituita principalmente da immigrati “un modello di sviluppo che punta deciso al mercato del lavoro e all'integrazione in modo originale quanto efficace". L’altra per il suo progetto editoriale basato sulla diffusione dell’intercultura, puntando su letteratura per bambini e ragazzi.
Infine, nella categoria giornalismo, il vincitore è risultato la giornalista di origine congolese Ngalula Beatrice Kabutakapua, per la sua analisi e  inchieste che fanno emergere in maniera preponderante e costituendo elementi interessanti sia le difficoltà sia le potenzialità delle comunità immigrate di prima e seconda generazione.  

Tra gli artisti che hanno animato la serata con i loro performance  Gemma Cuneta e la sua band, il gruppo di danza Mingala e il comico Gabriele Marconi per una serata all’insegna di allegria, applausi e risate.